Browsed by
Autore: Silvia

Hotel a Roma, quale scegliere

Hotel a Roma, quale scegliere

Se si è deciso di andare a visitare la Capitale, una delle cose in cui probabilmente vi siete imbattuti è la scelta dell’hotel. Chiaramente, essendo la città enorme, vi sarete trovati con una miriade di offerte, e allora come valutare quale sia l’hotel a Roma che fa per voi? Ovviamente dipende tutto da quelle che sono le vostre esigenze, se si tratta di un viaggio relax, di lavoro o con la famiglia, insomma, la prima discriminante è proprio questa, vediamo alcuni casi specifici.

Viaggio di piacere in coppia

roma in coppiaSe siete in coppia, Roma vi offre tantissime opportunità: serate romantiche, cene a lume di candela e anche tanti hotel fatti su misura per le coppie. Se siete abbastanza giovani, o comunque vi piace muovervi, potrete trovare un ottimo compromesso tra qualità della struttura ricettiva e prezzo. Si trovano tanti alberghi poco fuori dal raccordo anulare anche a tre e quattro stelle, ma davvero ben tenuti e puliti, come per esempio nella zona di Labaro o di Saxa Rubra dove, se si trova la combinazione giusta, si potranno anche visitare gli studi della RAI. Da qui ci si sposta con i mezzi che collegano il centro alle periferie e solitamente sono abbastanza efficienti.

Viaggio con la famiglia

Se viaggiate con bambini, magari anche piccoli, quello che vi serve assolutamente è la comodità, quindi magari rinunciate un po’ al risparmio e cercate un hotel in centro o quanto più vicino possibile alle attrazioni, in modo da non dover fare molta strada a piedi quando vi spostate. In centro si trova tutto, sia ristoranti che negozi di generi alimentari, quindi per qualsiasi necessità avrete tutto molto vicino e non dovrete attendere l’arrivo dei mezzi pubblici che in zona, solitamente, soprattutto dalla primavera fino all’autunno, sono sempre stracolmi.

Viaggio di lavoro

Qui dipende un po’ dove avrete il centro nevralgico dei vostri impegni lavorativi, solitamente gli hotel dedicati a chi viaggia per affari sono ubicati ell’EUR dove si trovano una serie di uffici, ma chiaramente, tutto dipende da dove dovete affrontare i vostri impegni. Certamente vi sconsigliamo il centro, soprattutto durante l’estate, meglio optare per una zona più periferica, ma decisamente più tranquilla, lontano dal vocio e dai fragori della movida, come per esempio, quella di Trastevere, che può arrivare ad animare le strade del quartiere fino all’alba. Se dovete alzarvi presto vi serve il buon riposo e nelle zone più turistiche di Roma non lo avrete di certo.

Viaggio con persone anziane

Quando si viaggia con persone di una certa età, così come con i bambini, serve trovare una soluzione confortevole per quanto riguarda il pernottamento. Tenete anche in considerazione che non potrete farli camminare a lungo, soprattutto durante la stagione estiva, con il caldo, quindi è possibile vi serva un punto d’appoggio anche durante la giornata. Ecco che l’hotel deve necessariamente trovarsi in centro, in modo che se si ha necessità si possa fare rientro senza dover salire su due o tre mezzi pubblici.

Scegliete un hotel vicino alle strutture ospedaliere

Se viaggiate con bambini molto piccoli, con anziani o con persone con disabilità, la cosa migliore che possiate fare è pernottare in un albergo vicino alle principali strutture ospedaliere. Girare a Roma in emergenza sanitaria diventa un problema, anche con le ambulanze, per cui è bene essere cauti e non arrivare disorganizzati. In alternativa su Roma e dintorni è disponibile un servizio privato, http://mediciadomicilio.net
, che offre assistenza 24 ore su 24.

Come scegliere l’agriturismo nel Salento

Come scegliere l’agriturismo nel Salento

Il Salento è diventato da diversi anni una meta turistica molto gettonata, complice il mare cristallino, le bellezze storico artistiche, il folklore e le tradizioni, e la movida notturna soprattutto nel periodo estivo. Ma il Salento è anche una terra di sapori dove la gastronomia la fa da padrone, grazie anche alla presenza di tanti agriturismi.

Perché scegliere un agriturismo nel Salento

agriturismo salentoScegliere un agriturismo significa scegliere la tradizione salentina e riscoprire i vecchi sapori. La maggior parte degli agriturismi sono nati in antiche strutture contadine, altri nelle famose masserie, adeguatamente ristrutturate mantenendo l’antica fisionomia, ma riadattandola alle nuove esigenze. Lo stile rustico domina ancora, sia esternamente che internamente, ma è sapientemente unito a richiami di stile moderno. Ecco allora che assieme ad un letto antico troviamo una libreria Matte Maison, o nella sala ristorante delle sedie moderne accostate a complementi d’arredo d’epoca.

Villeggiare in un agriturismo significa stare lontani dalle città, che sia in riva al mare o nell’entroterra salentino, la cosa importante è stare a contatto con la natura, ma in strutture con tutti i confort necessari per rilassarsi e stare bene.

In un agriturismo salentino il turismo si sposa con la gastronomia, fatta di prodotti del luogo, di stagione, piatti gustosi anche se preparati con ingredienti poveri, come ad esempio “ciceri e tria”, pasta fatta in casa con i ceci, con pezzetti di pasta fritta, o i “pezzetti” di carne di cavallo, o i “pasticciotti”, tipico dolce salentino.

La scelta dell’agriturismo salentino

Dunque, come scegliere un agriturismo nel Salento? Di solito si parte con un’idea ben precisa, probabilmente quella di stare più vicini possibile al mare nella zona scelta. Ma se ci mettessimo su internet a cercare, state pur certi che sarete attratti anche da strutture più nell’entroterra. Che poi, guardando bene, non si dovrebbe fare molta strada per raggiungere il mare, e addirittura avremmo anche la scelta di andare una volta sullo Jonio e un’altra sull’Adriatico, con distanze più che abbordabili.

Non è facile scegliere un agriturismo in base al luogo. Il Salento è una terra tutta da scoprire, ogni paese ha una sua particolarità, un impronta della sua storia tutta da scoprire, ogni posto di mare ha il suo angolo incantevole. Certamente ci sono i luoghi di maggiore attrazione, come Lecce e il suo centro storico barocco, Gallipoli e la sua città vecchia, il mare e i locali, Otranto e il suo castello, e ancora mare e tantissimi locali estivi, Santa Maria di Leuca e le sue grotte marine. Ma qualsiasi luogo decidiate di scegliere, vi troverete agriturismi improntati sulla tradizione salentina, luoghi ospitali, dove la vacanza è garantita.

Escursione nell’entroterra Romagnolo

Escursione nell’entroterra Romagnolo

Romagna città di mare. In estate le spiagge sono prese d’assalto, certo perchè sole e mare sono i re indiscussi della calda stagione, ma c’è chi invece preferisce muoversi all’aperto e scoprire luoghi  fatti di naturali sentieri. Non tutti sanno che oltre la riviera la Romagna offre anche tanti sentieri e percorsi di trekking, escursionismo, dal più facile a quello dedicato ai più esperti. E allora se si ha un week-end da spendere fuori porta e siete magari emiliani, potete facilmente raggiungere questo bellissimo territorio e scoprirlo nel suo lato inesplorato.

Iniziamo a differenziare i diversi tipi di escursionismo. L’escursionismo è per antonomasia il camminare esplorando, un’attività basata sul movimento attraverso uno o più territori sconosciuti e non. Camminare per lunghe ore permette di riappropiarsi del nostro quì ed ora, rilassa la mente e allontana lo stress, scaricando le tensioni attraverso il camminare in ambienti naturali. C’è una piccola differenza tra trekking ed hiking, vediamola nel dettaglio:

  • il trekking si basa sul camminare per più giorni con uno zaino abbastanza grande da contenere il necessario per la quantità dei giorni scelti. Il pernottamento solitamente si fa in tenda, ma su alcuni sentieri come la Francigena ci sono ostelli e case adibite per offrire ai pellegrini un ottimo ristoro.
  • l’hiking invece è un camminare lungo un sentiero che solitamente dura una giornata o poco meno.

Nell’entroterra romagnolo sono presenti percorsi di hiking, e ve ne elenchiamo qualcuno:

  1. Il colle di Covignano. E’ un piccolo percorso facile di 6 km sul colle di Rimini.
  2. A Pennabilli, distante 1 ora di macchina da Rimini, sono presenti più di un percorso, quello che si snoda da Villa Maindi a Badia Sant’Ercole, da Scavolino a Miratoio e da Miratorio a Sasso Simone e Simoncello. Quest’ultimo è di gran lunga più panoramico e prevede una durata di circa 5 ore.
  3. Sono presenti molti altri sentieri anche verso Coriano, Mondaino e Poggio Torriana.

Nel web potrete trovare la mappa dei percorsi. Solitamente chi prova questo tipo di escursionismo poi difficilmente se ne libera.

Percorsi benessere, Spa e Hammam

Percorsi benessere, Spa e Hammam

Sentiamo spessissimo parlare di Spa, centri benessere, beauty farm, Hammam, e chi ne ha più ne metta. In realtà sono tutti differenti tipi di percorsi benessere che vanno ad agire sul nostro stato psicofisico, ritrovando in questi luoghi  pace interiore ed esteriore.

I percorsi benessere sono adatti sia per mantenere il nostro corpo pulito e sano ma anche per aiutare a perdere peso e quando per dimagrire velocemente serve questo, una panoramica delle cose disponibili è necessaria. Vediamo nel dettaglio delle differenze e spieghiamo come si snodano i vari percorsi.

La Spa

La Spa utilizza principalmente percorsi che si basano sull’acqua termale o marina come la talassoterapia o l’idroterapia. Ci sono molte offerte all’interno di questi centri benessere come per esempio il classico idromassaggio, gli impacchi con fanghi o alghe, vari tipi di massaggi per il rilassamento, anti-cellulite e via dicendo, oppure il percorso Kneipp dove in cammina si effettua il passaggio dall’acqua calda all’acqua fredda e viceversa.  La cosa che accomuna tutto quanto è l’efficacia notevole sulla riattivazione circolatoria e il drenaggio dei liquidi, ma può aiutare anche chi ha problemi respiratori, per le articolazioni e anche problemi ginecologici. Vi elenchiamo qualche varietà di percorsi tipo, presenti in queste tipo di strutture

Percorso Kneipp: come anticipato precedentemente, si tratta di un percorso dove bisogna camminare con l’acqua fino a metà coscia, si entra prima in una vasca calda e poi in quella fredda e poi di nuovo in quella calda, fino ad un ciclio di 12. Uscite dal percorso sentirete un leggero pizzicore che indica che la vostra circolazione sanguigna ha ripreso il suo funzionamento migliore.

Vasche Idromassaggio: anche queste vasche servono per la stimolazione della circolazione e a volte sono presenti a bordo piscina dei getti per la schiena.women-936549_640

Bagno turco: è un bagno chiuso con una temperatura che può variare dai 40 ai 60 gradi e con un tasso di umidità molto elevato. E’ molto efficace per purificare la pelle.

Sauna finlandese: è un bagno secco con una temperatura che può arrivare fino ai 100 gradi e ha una funzione traspirante per la pelle.

Hammam

L’Hammam è molto simile al bagno turco ma con la differenza che sono presenti due sale: la prima è il Tepidarium con una temperatura non eccessivamente elevata e la seconda è il Calidarium con un tasso di umidità al 95% e una temperatura fino a 40 gradi. Queste due vasche insieme hanno la funzione di ripulire sia internamente che esternamente il nostro corpo.

Nei centri benessere sono spesso presenti anche delle diete equilibrate che possiamo seguire tranquillamente anche a casa.